Evaluation of a cluster of social economy as catalyst of social capital and capabilities

10/25/2014

 Evaluation of a cluster of social economy as catalyst of social capital and capabilities (O178)

11thEES Biennial Conference EVALUATION FOR AN EQUITABLE SOCIETY. DUBLIN, 2 OCTOBER 2014-Session 056: Improved social programmes through evaluation

Slide presentation ( Download)

Community foundations and local coalitions are in an even better position to catalyse the resources and the changes required to achieve a significant increase in social capital and in developing innovative solutions to manage social problems and promoting local development. A three years evaluation research, commissioned to an external evaluator by the Community Foundation of Messina (CFM) will be presented. The CFM promotes a local model of human development structurally related with productive, civil economy clusters able to generate an evolved community welfare, named ‘Evoluted Social District’ (ESD). Rather than being based on charitable giving of the donors the CFM is built by a local cluster of social economy, the Local Health Agency, a public center of scientific research and by the provincial industrial association, at national level the Ethical Bank and Caritas and at European level an umbrella of social enterprises. The aims of the evaluation were to verify the coherence of the complex multisectoral strategy of local development and assessing the effects of a Pilot project. The underlying theory of the programme of the CFM, is based on the idea that local, human and economic development feeds on and amplifies social capital, people’s instrumental freedoms and the economic resources of the analysed clusters. The ‘capabilities approach’ has been adopted as a conceptual framework both for the design of policies by the CFM, and the assessment of individual well-being of recipients. Qualitative and quantitative techniques of research have been used: a network analysis with a structured questionnaire addressed to 47 organisations, a pre-post design of evaluation with a version of ICF International Classification Functioning (WHO) for psychiatric setting, non structured interviews of stakeholders and key individuals, a survey with beneficiaries of a ‘photovoltaic urban park’. The empirical results indicate that the social capital of the ESD, assessed by indicators on trust and exchanges within the network and by a tested Scale of Governance (System of rules, participation and transparency in the decision-making processes), influence the level of innovation and economic competitiveness of the ESD in the observed period. Innovative mechanisms to finance welfare local initiatives have been classified (e.g., how to reinvest the revenue coming from the production of green energy). Furthermore this inclusive model of development resulted to work for social and labour insertion of 56 ex inmates, using the personal ‘capabilitiy budget’, and resulted to empower their wellness and capabilities. A multiple linear regression model has been developed to predict the values of socioeconomic effects (e.g., increased access to credit, share of technical and professional knowledge, access to new potential markets) at meso-level within and outside the boundaries of the CFM. The ‘arising institution’, according the new institutionalism approach, represents a mobilizer of resources and a social capital catalyst within the territorial district. We discuss the implications of the empirical results for public and private funders with an interest in knowledge translation of social innovation and suggest some key dimensions that could be adopt both, to identify and supporting potential successful local coalitions and to evaluate complex place-based initiatives of local development.

Theory driven Evaluation Reports

06/01/2012

RESEARCH AND EVALUATION OF  SOCIAL-HEALTH POLICIES IN EMILIA-ROMAGNA REGION. A THEORY_DRIVEN EVALUATION APPROACHES

June 2012

Gioia Virgilio (ASSR Regione Emilia Romagna) and Liliana LEONE (CEVAS, Roma)- Italy


La ricerca e le politiche sociali e socio-sanitarie in Emilia-Romagna. Applicazione e approcci per la valutazione

This volume consists of two logically linked parts: the first deals with the second survey about social researches carried out by Regional Departments and the analysis of 25 of them in the family, childhood, adolescence area. The second part treats the evaluation of research and health promotion programmes according to the “theory oriented” methodology. 
After the first survey in 2009 of the researches carried out in Emilia-Romagna Local Authorities (Health Trusts, Municipal and Provincial Administrations and Public Trusts for Personal Services), mainly concerning social and health integration, the Social Innovation Area of the Regional Agency for Health and Social Care considers it worth to promote the same kind of survey on social researches performed in regional Social Departments. The final aim of the project that led to the two surveys is to work out guidelines and action strategies in order to steer research, to make it visible, shared and effective in planning.The comparison between priority issues, rationale, methodology adopted by the Region and Local Authorities can enrich both social operators and decision makers in order to verify the research consistency with sector planning and in Regional Social and Health Plan.
The purpose of the first part of the paper is to make this further knowledge available and to spread and complete the results of the first survey. Moreover it is important to give some development perspectives, in particular to establish a Regional Social Research Registry and interactive tools within the territory.

In 2009, 291 local researches were collected and evaluated; respectively 48 and 64 of them dealt with the themes of “Elderly” and “Immigration”; in the second survey 87 social regional researches were also collected; 25 of them – carried out by the Family, childhood, adolescence regional Department – were analysed.

The introduction of the first part of the volume presents the path followed and the motivations of the regional workgroup of the Agency, who examined the researches. The first Chapter defines the final and specific aims of the project and the main questions for this monitoring. The second Chapter describes the frame of the Regional researches, reporting quantity, promoting Department and principal themes.

The following Chapters present the methodology adopted by the regional group and the main results and comments about the analysed research products, especially their priorities and relevant directions. Chapters 4 and 5 respectively deal with the comparison between regional research products and the planning sector and the working perspectives on social research.

The second part of the volume focuses on the issue of theory-driven evaluation approaches aimed both at developing complex programmes and supporting policy making processes. Those approaches have helped to open the “black box” of programmes and have been developed to deal with the complexity of the programmes; since the ‘80s, they were applied to the evaluation of comprehensive health promotion place-based initiatives delivered at community level.

The introduction explains how and why the Emilia-Romagna Region has decided to propose these innovative methods.

The first Chapter of the second part of the volume sums up the common points of the several theory-oriented health promotion approaches, by pointing out aims and opportunities for decision makers and professionals. In particular, different kinds of programme theories (i.e. “explanatory theories” and “change theories”) adopted to plan, to “investigate the programmes”, to develop evaluation questions and to identify programmes and research hypothesis, are described.

The second Chapter deals with theory-based evaluation (TBE), especially applied to community development projects. Criteria to select the theories are explained and some examples are reported, as the training programme for disadvantaged young people. Moreover the risk of inaccurate use of the “programme theory” is pointed out, like programmes which do not consider gender differences.

The “realist evaluation” (Chapter 3), developed in the Anglo-Saxon context, is explained in its basic points: the concept of programme, the complex social programmes features, the context-mechanism-outcome configuration, the concept of “generative” causality, opposed to the simple linear causality (deterministic model, for example “dose-response”).

The realist synthesis (Chapter 4), a further development of the realist evaluation, is presented as an alternative method of systematic review aimed to synthesise evidence and research results including both qualitative and quantitative studies. It is important to identify the “family of mechanisms”, underlying for example different health promotion interventions, as locus of comparison of the realist synthesis.

The fifth Chapter illustrates the previous approaches by two recent examples: the first is an evaluation study carried out in the Emilia-Romagna Region for the “Safe gym. Prevention and wellness” project; the second is an innovative social research about young people participation, carried out at the national level. In both cases the research objectives and hypothesis, the methods and the main results are pointed out, according to the patterns and the features of “theory-oriented” evaluation approaches.

Conclusions sum up the benefits by these approaches and their perspectives in the Emilia-Romagna Region context.

  • the general scheme of interpretation adopted by the regional evaluation group and criteria for a homogeneous and clear interpretation;
  • the list of the analysed research products, reporting for each of them bibliographical items in a database.

The bibliography includes the basic reference text books or articles for the “theory-oriented” approaches.


ASSR Agenzia Sanitaria e Sociale Regione Emilia Romagna Dossier n.226/2012

06/01/2012

ASSR Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale Regione Emilia Romagna, DOSSIER N. 226/2012

LA RICERCA E LE POLITICHE SOCIALI E SOCIO-SANITARIE IN EMILIA-ROMAGNA. APPLICAZIONE E APPROCCI PER LA VALUTAZIONE, di Gioia VIRGILIO  (ASSR Emilia Romagna)  e Liliana LEONE (CEVAS)

  • Dossier n. 226 ( Download  pdf, 661 Kb)
  • SUMMARY  (Download ) Research and social and social-health policies in Emilia-Romagna. Application and evaluation approaches

Il Dossier è composto di due parti logicamente collegate. La prima tratta del secondo censimento delle ricerche sociali prodotte dai Servizi regionali e si dedica all’analisi di più di un terzo di esse riferite all’area delle politiche della famiglia, infanzia e adolescenza. La seconda parte affronta il tema della valutazione della ricerca e dei programmi di promozione della salute, secondo approcci metodologici “guidati dalla teoria”. In continuità con il primo censimento realizzato nel 2009 sulle ricerche sociali e socio-sanitarie, effettuate a livello locale dalle Aziende USL, dai Comuni, dalle Province e dalle ASP del territorio emiliano-romagnolo, l’Area Innovazione sociale dell’Agenzia sanitaria e sociale regionale dell’Emilia-Romagna ha ritenuto rilevante raccogliere e censire anche i lavori prodotti dai Servizi regionali sulle stesse politiche sociali e socio-sanitarie.  Scopo della prima parte del Dossier è rendere disponibile questo ulteriore patrimonio conoscitivo, a completamento dei risultati del primo censimento, e fornire alcune riflessioni e prospettive di sviluppo, in particolare sulla necessità di costruire, per la ricerca sociale e socio-sanitaria, una anagrafe regionale e/o una strumentazione interattiva sistematica con i territori.

La seconda parte del Dossier focalizza gli approcci di valutazione, cosiddetti “guidati dalla teoria”, finalizzati sia allo sviluppo di programmi complessi sia al supporto dei processi decisionali. Questi approcci hanno aiutato ad aprire la “scatola nera” dei programmi e sono stati sviluppati per trattare interventi complessi; sin dagli anni ‘80 sono stati applicati alla valutazione di iniziative territoriali di promozione della salute caratterizzate dall’utilizzo di una pluralità di metodi di intervento. L’introduzione spiega come e perché in Regione si è arrivati ad approfondire e a proporre questi metodi innovativi. Il primo Capitolo sintetizza i punti comuni dei vari approcci orientati alla teoria, sottolineandone le finalità e le opportunità per i decisori politici e i professionisti. In particolare, vengono descritte le varie tipologie di teorie (ad esempio “teoria del problema” e “teoria del cambiamento”) utilizzate per pianificare, “interrogare i programmi”, sviluppare quesiti valutativi e identificare ipotesi di programmi e di ricerca. Nel secondo Capitolo si affronta la valutazione basata sull’approccio – theory-based evaluation TBE -, applicata soprattutto nei progetti di sviluppo della comunità. Vengono illustrati i criteri per selezionare le teorie secondo tale approccio, si riportano alcuni esempi (programma di formazione per giovani svantaggiati) e vengono messi in luce alcuni rischi di impiego inaccurato della teoria del programma (ad esempio, realizzare programmi senza tenere conto delle differenze di genere). La valutazione realista (Capitolo 3) sviluppata nel contesto anglosassone viene descritta nei suoi elementi cardine: la concezione di programma, le caratteristiche dei programmi sociali complessi, le configurazioni contesto-meccanismo-outcome, il concetto di causalità “generativa” contrapposto a quello di causalità lineare semplice di tipo deterministico (stimolo-risposta). La sintesi realista (Capitolo 4), che rappresenta un ulteriore sviluppo della valutazione realista, è proposta come metodo alternativo di revisione sistematica, finalizzato a sintetizzare evidenze e risultati di ricerche che comprendono studi sia qualitativi che quantitativi. È importante identificare le “famiglie di meccanismi”, sottostanti ad esempio a differenti interventi di promozione della salute, come luogo di confronto della stessa sintesi realista. Il Capitolo 5 esplicita l’applicazione degli approcci valutativi descritti nei precedenti capitoli, con due recenti esempi: il primo è uno studio valutativo realizzato in Emilia-Romagna per il progetto “Palestra sicura. Prevenzione benessere”, il secondo è una ricerca sociale innovativa sui processi partecipativi dei giovani, realizzata a livello nazionale. In entrambi i casi sono sottolineati gli obiettivi conoscitivi, le ipotesi assunte, le metodologie e i principali risultati raggiunti, secondo i modelli e le peculiarità degli approcci valutativi “guidati dalla teoria” e dalla “valutazione realista”. Le riflessioni conclusive, infine, riprendono i vantaggi di tali approcci e le relative prospettive di sviluppo nel contesto della Regione. Le due Appendici riportano: la griglia di lettura/analisi adottata dal gruppo di progetto regionale, finalizzata a rendere omogenei e trasparenti i criteri di interpretazione e di valutazione; la tabella delle ricerche analizzate, contenente i principali riferimenti bibliografici raccolti nel database per ogni scheda di prodotto di ricerca rilevato. La bibliografia riporta i principali testi di riferimento alla base degli approcci metodologici guidati dalla teoria.

Dossier n. 226 ( Download  pdf, 661 Kb)

SUMMARY  (Download ) Research and social and social-health policies in Emilia-Romagna. Application and evaluation approaches



Disegnare valutazioni utili ai policy maker e agli stakeholders

12/07/2011


II  INCONTRO TEMATICO DEL CICLO “L’UTILIZZO EFFICACE DEI RISULTATI DELLA VALUTAZIONE: UN PERCORSO DI APPRENDIMENTO”

INEA,  Roma. 13 dicembre 2011

La Rete Rurale Nazionale, nell’ambito delle attività della Task Force “Monitoraggio e Valutazione” organizza per il 13 dicembre p.v., il secondo incontro (relativo al ciclo di incontri sul tema “L’utilizzo efficace dei risultati della valutazione”) dal titolo: “Disegnare valutazioni utili ai policy maker e agli stakeholders”. La valutazione ha lo scopo di produrre conoscenze utili sugli effetti degli interventi attuati dalle politiche pubbliche. In questo contesto, la chiara espressione della domanda di valutazione e la definizione del disegno di valutazione più appropriato, rispetto alle specificità delle politiche e delle esigenze di conoscenza dei policy makers e degli stakeholders, rappresentano gli elementi determinanti per la realizzazione di valutazioni utili e utilizzabili. Cos’è la domanda di valutazione e come costruirla? Chi partecipa al processo di definizione della domanda di valutazione? Quale ruolo hanno gli stakeholders nella definizione del disegno di valutazione? Quando una valutazione è utile e quando è utilizzabile? Sono queste le domande che potranno essere proposte e dibattute nel corso dell’incontro.

Within the cycle of meetings on the theme “The effective use of the evaluation results”, the National Rural Network for Rural Development organises the second event entitled “Designing useful evaluations for policy makers and stakeholders”. The purpose of the event is to stimulate the discussion among experts on rural development policies, administrations responsible for designing and implementing the public programs, evaluators, thematic experts and the socio-economic partnerships, on the usefulness of designing targeted evaluations in view of improving the policies; the opportunities and the threats related to the emerging of the evaluation needs of programme’s stakeholders; the opportunities and issues related to the implementation of a participative process for designing the evaluations; the role of the evaluator; themes and dimensions of analysis relevant to the stakeholders and in particular to the socio-economic partnerships and the territory; the stakeholders to be involved and their respective roles.
Programme
9.45 – Registration
10.15 – Panel session with: Janet Dwyer, Professor of Rural Policy and Co-Director of CCRI (Countryside and Community Research Unit) Liliana Leone, Director of Cevas Center of Research and Evaluation Andrea Furlan, Officer at Region Emilia-Romagna- Monitoring and Evaluation Office Alessio Terzi, President of Cittadinanzattiva Patrizia Rossi, LIPU –BirdLife Italia Agriculture Officer
12.20 – Discussion
13.15 – Conclusion
Moderator: Simona Cristiano (National Rural Network, INEA)

Tra le letture consigliate per l’incontro: Towards an enhanced evaluation of rural development policy: insights from EU and US approaches (594.86 KB).Come identificare i quesiti di valutazione a partire dalla ricostruzione della teoria del programma: la Theory Based Evaluation (86.37 KB).Come sviluppare un disegno di valutazione (80.45 KB).The active role of citizens in the evaluation process: methods, impact and prospects of Civic Evaluation in Italy (541.6 KB).

Systematic Review, sintesi realista e approcci di valutazione theory driven

02/25/2011

Articoli ‘storici’ sulla theory based Evaluation di Carol H Weiss e sulla Valutazione realista di Ray Pawson e Nick Tilley

 In questa sezione segnaliamo documenti e report online sui due  principali approcci di valutazione  guidati dalla teoria: l’approccio di C Weiss Theory Based Evaluation e quello di Ray Pawsone e Nick Tilley denominato ‘Valutazione realista’  che successivamente ha sviluppato la Sintesi Realista come forma di revisione della letteratura. Contribuite al blog e seganalate anche voi altri materiali….

  • James P. Connell, Anne C. Kubisch (1998) Applying a Theory of Change Approach to the Evaluation of Comprehensive Community Initiatives: Progress, Prospects, and Problems. The Aspen Institute USA. (Scarica )
  • Pawson R, Tilley N (2004), Realist Evaluation, Paper funded by the British Cabinet Office. See also Pawson, R. and Tilley, N., Realistic Evaluation, Sage, 1997  (Scarica.pdf)
  • Tilley N (2000), Realistic Evaluation: An Overview, Nottingham Trent University, Conference of the Danish Evaluation Society. (Scarica .pdf)
  • Leone Liliana, La valutazione degli effetti delle politiche regionali: l’approccio realista. Il caso delle politiche per la sicurezza e la legalità, Seminari formativi UVAL Dipartimento politiche di Sviluppo e FORMEZ, 17/7/ 2008 (Slide
  • Leone L., Politiche di promozione della salute basate sulle evidenze e programmi sociali complessi: il contributo degli approcci di valutazione theory-oriented. Ciclo di incontri dell’Agenzia Sani

    Gli approcci di valutazione guidati dalla teoria: la valutazione ‘Theory-based’ e la ‘Valutazione Realista’

    02/07/2011

    In questa sezione segnaliamo documenti e report online sui due  principali approcci di valutazione  guidati dalla teoria: l’approccio di C Weiss Theory Based Evaluation e quello di Ray Pawsone e Nick Tilley denominato ‘Valutazione realista’  che successivamente ha sviluppato la Sintesi Realista come forma di revisione della letteratura. Contribuite al blog e seganalate anche voi altri materiali….

    Contribuite al blog e seganalate anche voi altri materiali….

    Sull’uso della Programme-Theory nella valutazione

    Rogers P, Using Programme Theory to Evaluate Complicated and Complex Aspects of Interventions.Evaluation, Vol 14(1): 29–48. (Download)

    Rogers P, Petrosino A, Huebner TA, Hacsi TA, Program Theory Evaluation: Practice, Promise and Problems (Download)

    Rogers P. Matching Impact Evaluation Design to the Nature of the Intervention and the Purpose of the Evaluation. In:WORKING PAPER 4. Designing impact evaluations: different perspectives. Robert Chambers, Dean Karlan, Martin Ravallion, and. Patricia Rogers. July 2009 (Download)

    La  Theory Based Evaluation di Carol H Weiss

    James P. Connell, Anne C. Kubisch (1998) Applying a Theory of Change Approach to the Evaluation of Comprehensive Community Initiatives: Progress, Prospects, and Problems. The Aspen Institute USA. (Scarica )

    Articoli  e lezioni sulla ‘Valutazione Realista’ di Ray Pawson e Nick Tilley

    • Pawson Ray, Tilley Nick (1997), Realist Evaluation, The preparation of this paper was funded by the British Cabinet Office. Vedi anche Pawson, R. and Tilley, N., Realistic Evaluation, Sage, 1997. (Scarica)
    • Pawson R, Tilley N (2004), Realist Evaluation, Paper funded by the British Cabinet Office. See also Pawson, R. and Tilley, N., Realistic Evaluation, Sage, 1997  (Scarica.pdf)
    • Tilley N (2000), Realistic Evaluation: An Overview, Nottingham Trent University, Conference of the Danish Evaluation Society. (Scarica .pdf)
    • Leone Liliana, La valutazione degli effetti delle politiche regionali. Sessione III: L’approccio realistaIl caso delle politiche per la sicurezza e la legalità, Seminari formativi UVAL Dipartimento politiche di Sviluppo e FORMEZ, 17/7/ 2008 (Slide)
    • Leone L., Politiche di promozione della salute basate sulle evidenze e programmi sociali complessi: il contributo degli approcci di valutazione theory-oriented. Ciclo di incontri dell’Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale dell’Emilia Romagna, Bologna, 1 Marzo 2011 (Slide)

    Valutazioni basate sui principi della theory-driven evaluation

    Classici moderni della valutazione – Ciclo Seminari 2007-2012

    11/20/2010

    promotori seminario

    Il seminario sui Classici della Valutazione è giunto ormai al quarto anno di attività. Esso è dedicato alla conoscenza delle teorie e delle pratiche di valutazione, ed è partito dalla lettura critica dei testi contenuti nell’antologia Classici della Valutazione (a cura di N. Stame, FrancoAngeli, 2007). I seminari si svolgono in forma interattiva: i partecipanti conoscono i testi che vengono discussi (ricevuto per email prenotando la partecipazione) e collaborano, di volta in volta, alla presentazione degli stessi o alla realizzazione di simulate sulla valutazione di programmi reali.

    l coordinamento del seminario è curato da Nicoletta Stame.

    Il Comitato scientifico è composto da:    Liliana Leone, Laura Tagle, Barbara Befani, Marina Forestieri, Veronica Lo Presti, Alessandra Decataldo, Silvia Sansonetti, Roberto Celentano.

    Seminari

    I seminari si sono svolti  presso il Dipartimento di Ricerca Sociale e Metodologia Sociologica “Gianni Statera” dell’Università di Roma “La Sapienza” – corso Italia 38 a – 00198 Roma – Aula Fongoli  Link  http://www.rismes.it/presentazione_valutazione.php


    Du seguito segnalo alcuni degli appuntamenti:

    Ciclo: Approcci delle Revisioni Sistematiche

    30 marzo 2010, 15-17
    La meta-analisi
    introducono: Liliana Leone e Roberto Celentano
    I laboratorio. Le meta-analisi: cosa sono, utilizzi, trucchi e suggerimenti per riconoscere le bufale, di Liliana Leone (pdf)
    La revisione sistematica e la meta-analisi. Linee guida della Campbell Foundation, di Roberto Celentano (pps)
    20 aprile 2010, 15-17
    Le narrative reviews
    introducono: Liliana Leone e Veronica Lo Presti
    II laboratorio. Narrative Review e sintesi narrative, di Liliana Leone (pdf)

    Aspetti metodologici delle Narrative Review: l’implementazione di interventi per la prevenzione degli incendi, di Veronica Lo Presti (pdf)
    Le narrazioni nel servizio sociale: A critical review, di Laura Taronna (pdf)

    17 giugno 2010, 15-17
    I nuovi approcci: la proposta della sintesi realista
    introducono: Liliana Leone, Daniela Ferrazza, Laura Fantini e Nicoletta Stame
    Pawson R., Reviewing inner mechanisms: youth mentoring, di Laura Fantini e Daniela Ferrazza (pps)
    Le sintesi realiste, di Nicoletta Stame (pdf)
    Le sintesi realiste, di Liliana Leone (pdf)
    Pawson, Evidence Based Policy, cap. 4 (pdf)
    Pawson, Evidence Based Policy, figure cap. 4 (pdf)
    Pawson, Evidence Based Policy, cap. 6 (pdf)
    Pawson, Evidence Based Policy, figure cap. 6 (pdf)

    Ciclo: Valutazione Second Life: Analisi e simulazioni di valutazioni
    coordinato da Laura Tagle

    Io credo che il valutatore flessibile e sensibile possa spostarsi da un paradigma all’altro all’interno di un singolo setting di valutazione. Nel fare questo, un valutatore così flessibile e aperto può osservare gli stessi dati dalla prospettiva di ciascun paradigma, ed aiutare i seguaci di ognuno dei paradigmi ad interpretare i dati in più di un modo”
    (M.Q. Patton, “Il dibattito sui paradigmi
    “, in Classici della valutazione, a cura di N. Stame, FrancoAngeli, 2007, p. 228)

    Casi

    11/16/2010


      Valutazione intermedia dell’ Accordo di Programma Quadro “APQ Recupero della marginalità sociale e pari opportunità” Regione Sicilia. II° Rapporto di Valutazione Analisi di alcuni casi eccellenti. Contrasto della marginalità sociale e riqualificazione degli spazi. Febbraio 2007      (Scarica Pdf) 

    Leone L (2008), Giovani legalità e riqualificazione degli spazi, Maggioli Editore. ISBN: 8838746494 - Pagine: 180(Acquista)   

     Il testo si propone di spiegare quali sono le strategie adottate in alcuni casi eccellenti nell’ambito di un programma di contrasto della marginalità e della devianza giovanile, di riqualificazione degli spazi e di aree urbane degradate. Il programma è l’Accordo di Programma Quadro denominato “Recupero della marginalità sociale e pari opportunità”, sottoscritto dalla Regione Siciliana e terminato nel 2007, ed è una delle primissime esperienze a livello nazionale di utilizzo di questo strumento di programmazione per finanziare politiche soft a carattere esclusivamente sociale. La questione della prevenzione della devianza minorile e della legalità viene trattata in connessione con interventi di riqualificazione di spazi urbani, di riappropriazione di spazi e talvolta di beni confiscati alla mafia, e di sviluppo del tessuto connettivo delle comunità locali. Nel volume e nel II° Report scaricabile gratuitamente si mettono in evidenza le strategie e i meccanismi alla base degli interventi realizzati, nonchè i fattori grazie ai quali si producono effetti positivi o negativi.  Si rivolge a coloro che si occupano di riqualificazione urbana, di programmazione di politiche giovanili e di inclusione sociale.     

Rapporti di ricerca e valutazione

In accordo con i committenti rendiamo disponibili rapporti di valutazione e di ricerca su diversi programmi e aree tematiche.
(continua >>).

Aree tematiche

Imparare a Progettare e Valutare

LEARNING - Rassegna ragionata di supporti formativi multimediali (ipertesti, articoli, manuali, video e slide) sui temi della valutazione di programmi, revisioni sistematiche 'theory-driven', modelli innovativi di Welfare Mix, progettazione
(continua >>)

Translate

Contenuti

News

Archivio